TO BE OR NOT TO BE
ORTICANOODLES
26.11 - 12.12.2010

Arte Urbana Lugano ospita gli Orticanoodles, due giovani artisti italiani, che si cimentano da vari anni in opere di arte di strada, specializzandosi nella tecnica dello stencil. Continuando il dialogo tra esterno ed interno cominciato con le esposizioni Cartelli e Datatown, ci sarà la possibilità di vedere le loro opere al Lab_Comacina che su alcuni muri della città: all’esterno del Foce e su un muro dell’ex Macello. La mostra To be or not to be approfondisce il tema del teschio, da sempre utilizzato nella storia dell'arte come richiamo alla mortalità dell'uomo, oggi simbolo effimero, privato della sua sacralità, di cui si appropria la moda, il design, l'arte contemporanea. Gli Orticanoodles ripropongono l'immagine del teschio in una serie di ritratti di personaggi mediaticamente noti, che vengono decorticati e resi crani vuoti. Che cosa resta di questi uomini e donne una volta tolta l'immagine che crea il loro status? I parametri visivi sono quelli della cultura pop e della pubblicità utilizzati per deformarne il messaggio e fare critica sociale. I loro teschi ci chiedono: che cosa conta davvero? Apparire o agire? Vivere o morire? To be or not to be? In collaborazione con Arte Urbana Lugano, il Foce ospita una vetrina con dei lavori di Samuele Gabai, anch'essi sul tema del teschio.
www.orticanoodles.com